La scelta scellerata nel nuovo dimensionamento scolastico

La consigliera del Pd Nicoletta Zuliani: il sindaco intervenga a difesa della città e della formazione dei cittadini.

foto.JPG

«L’ipotesi della Provincia di convogliare in un unico istituto i licei classico e artistico e linguistico è una scelta scellerata presa senza consultare chi il mondo della scuola lo vive e le conosce». La consigliera comunale del Partito democratico Nicoletta Zuliani interviene sulla discutibile proposta di dimensionamento scolastico arrivata dalla Provincia di Latina rispetto a istituti comprensivi e scuole superiori.

(leggi l’articolo)

In quel documento che la Provincia haa elaborato e che verrà presentato in Regione,  liceo classico e liceo artistico dal prossimo anno scolastico saranno accorpati e saranno convogliate nello stesso istituto tutte le nuove iscrizioni del liceo linguistico. Il Majorana e il Manzoni porteranno a fine percorso le classi residuali. Il tutto ignorando completamente i documenti del Manzoni e dell’Artistico approvati nei rispettivi Collegi dei Docenti che contenevano le loro proposte proprio sul dimensionamento.

majo.jpgmanzo.jpg«Il Majorana e il Manzoni sono già specializzati, hanno laboratori e struttura organizzativa efficientissima– spiega la Zuliani – e invece si sovraccaricherà il nuovo liceo frutto di accorpamento, con due sedi diverse e privo strutture ed esperienza necessarie ad un’offerta qualificata e qualificante. Cosa diranno nell’orientamemto rispetto al corso labling.jpglinguistico?».

Una scelta, dunque, presa senza confronti o consultazioni, nemmeno con i dirigenti scolastici

«Il sindaco di Latina dovrebbe occuparsi della città e dei cittadini che qui vivono, studiano, si formano e lavorano – commenta la consigliera del Pd – e invece sembra distratto dalle problematiche relative agli equilibri politici, mentre noi subiamo le scelte fatte da altri che hanno una visione parziale e meno vicina ai bisogni del territorio. Non si può essere così miopi da delegare completamente gli istituti superiori alla Provincia.  Le scuole sono artistic.jpgorganismi autonomi che si nutrono della vita economica, professionale, sociale, culturale e infrastrutturale della città, e a loro volta la nutrono. Qui vengono “formati” i cittadini di domani».

«Questa proposta scriteriata deve trovare nel sindaco un forte oppositore – conclude Nicoletta Zuliani, in qualità di consigliere del Pd ma anche di insegnante -. Noi chiediamo il coinvolgimento della città in queste scelte per evitare che politici incompetenti muovano con superficialità le pedine di una scacchiera che ha equilibri fragilissimi, già minati dai tagli del governo centrale. Gli enti locali abbiano intelligenza politica e amministrativa e soprattutto sensibilità per ascoltare chi ha competenza e responsabilità dei percorsi formativi rivolti ai giovani cittadini». 

La scelta scellerata nel nuovo dimensionamento scolasticoultima modifica: 2012-10-21T10:02:23+02:00da nicoletta.z
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento